Azienda Copia

LA NOSTRA STORIA

QUANDO LA PRODUZIONE DI SALUMI È UN'ARTE DI FAMIGLIA

La storia del salumificio COMAL ha inizio nel 1982 come piccolo commercio di generi alimentari. Dopo alcuni anni di attività, nel 1990, i due soci fondatori – Sandro Gialdi e Claudio Barbolini – decidono di diventare produttori di salumi e aprono il primo stabilimento a Novi di Modena, avviando la produzione di prosciutti cotti. Un’attività di grande successo, che porta l’azienda a livelli produttivi sempre più sostenuti e a standard qualitativi sempre più elevati. I clienti aumentano e l’azienda cresce velocemente, affermandosi come una realtà conosciuta e rinomata nel territorio. A causa del terremoto nel 2012, che rende inagibili tutti i capannoni, tutta la produzione viene temporaneamente delocalizzata nello stabilimento di Salara, in provincia di Rovigo, attrezzato con forni di emergenza. Nel 2018 COMAL riesce a tornare nella sede originale, in uno stabilimento completamente rinnovato e altamente tecnologico, costruito in soli due anni. Nel frattempo, i figli Federico, Filippo e Marina, ereditano dai genitori la passione per questo lavoro e negli anni diventano parte attiva della gestione aziendale, occupandosi rispettivamente di amministrazione, produzione e marketing, in un riuscito ricambio generazionale.

La nostra azienda

SOLUZIONI COMPLETE DALL'INDUSTRIA ALLA PRIVATE LABEL

0
Unità produttiva
0
Anni di storia
0
Addetti e collaboratori
0
Tipologie di prodotto
0
Prosciutti cotti a settimana
0
mq quadri di area produttiva

TECNOLOGIE ALL'AVANGUARDIA

C’è una cosa di cui andiamo veramente fieri: riuscire a produrre su grande scala le specialità della nostra tradizione senza rinunciare alla qualità del prodotto finito, contribuendo così a diffondere la cultura gastronomica e i sapori della nostra terra. Per una produzione di salumi all’altezza di questi presupposti, ci siamo rinnovati, realizzando uno stabilimento all’avanguardia, progettato seguendo parametri ben precisi: abbiamo abbracciato il piano “Industria 4.0”, puntando all’interconnessione delle attività e all’automatizzazione dei processi; abbiamo elevato gli standard qualitativi, anche attraverso l’eliminazione di rischi di contaminazione dei prodotti; abbiamo prestato attenzione all’innovazione tecnologica in tutte le aree di lavoro; abbiamo investito per una maggiore sostenibilità, dotandoci di un sistema di quadrigenerazione per la produzione di energia e di un impianto fotovoltaico che copre il fabbisogno energetico residuo. Questo ci permette di garantire la massima capacità produttiva e una elevatissima uniformità di produzione, sia nella pezzatura che nella qualità.

I NOSTRI PRIMI 40 ANNI

1982 - 2022

Nel 2022 la nostra azienda ha raggiunto il suo 40esimo anno di vita. Questo importante traguardo è stato festeggiato con una grande festa all’interno del Castello dei Pio a Carpi, location suggestiva nel cuore del nostro territorio, insieme a tutte le persone che negli anni hanno contribuito a rendere COMAL il salumificio che è oggi. Un sincero grazie a tutti i nostri collaboratori, che negli anni hanno sempre lavorato con professionalità e passione.
LA NOSTRA SEDE

DOPO 6 ANNI, COMAL RITORNA NELLA SUA SEDE STORICA A NOVI DI MODENA

"L’emozione di tornare a casa dopo un lungo viaggio, stanchi ma con il cuore pieno di gratitudine per tutti coloro che ci sono stati vicini aiutandoci a continuare il nostro lavoro con l’impegno e la passione di sempre, anche in mezzo a grandi difficoltà."

Nonostante la lunga storia e il legame con la tradizione, COMAL è anche sinonimo di modernità e innovazione. Ne è espressione il nuovo stabilimento costruito in soli due anni a partire dal 2016 nell’area adiacente alla vecchia sede, resa inagibile dal terremoto del 2012. L’attuale superficie comprende 25 mila mq, di cui 15 mila di area produttiva in ambiente refrigerato – il tutto costruito seguendo linee guida molto chiare e per noi imprescindibili: innovazione tecnologica, automatizzazione dei processi, elevati standard qualitativi, eliminazione di rischi di contaminazione dei prodotti, interconnessione delle attività secondo il piano Industria 4.0, massima attenzione all’efficientamento energetico.